lunedì 20 giugno 2011

L'altra Taverna: un'altra tentazione della tradizione napoletana

La pizzeria La Taverna (una fra le più rinomate a Milano per la pizza a bordo alto…proprio come piace a me!) raddoppia con una nuova sede fresca di apertura e testata proprio ieri sera, al rientro da un bellissimo week-end a Londra con le mie amiche! Il nuovo locale si chiama l’Altra Taverna che, di “altro” rispetto alla sorellona, ha un paio di elementi distintivi e alcuni degni di nota.

  • Non solo pizza: infatti il menu è ricco anche di primi e di secondi della tradizione napoletana. Ho ritrovato qualche influenza pugliese negli antipasti, dove fa capolino la burrata di Andria e la buonissima stracciatella. I primi piatti sono molto invitanti e dai sapori estivi: scialatielli con cozze e pecorino romano, gnocchetti nel pignatiello (con ragù, bufala e basilico), casarecce di Gragnano al filetto di alici e pecorino di fossa. Io ho ordinato le linguine di Gragnano con spernocchie (cioè le cicale di mare) e vongole: un piatto davvero ottimo e abbondante (vedi foto sotto) realizzato con la pasta fresca di Gragnano (preparata con il tradizionale metodo del ferretto) e servita all'interno di un enorme "sandwich" di pasta di pizza, insieme a cicale di mare e vongole. Il piatto è davvero gustoso e ne vale proprio la pena attendere quei 20 minuti di preparazione (preavvisati dalla cameriera). Per i secondi, oltre alla zuppa di cozze alla napoletana (piatto che non ha entusiasmato il mio ragazzo per la presenza di troppe lumache di mare rispetto alle cozze e al polpo non particolarmente gustosi), c’è anche la frittura fresca di paranza (cioè con pesce di piccola taglia) e non manca qualche piatto robusto (forse più adatto per la stagione fredda) come la salsiccia e friarielli e la braciola al ragù.
  • L’ambiente: l'interno del locale è accogliente nei toni chiari ed eleganti del beige, con mobili in legno, mattoncino a vista e luci soffuse. Ammetto che mi mancava un po’ il quadretto delle tovaglie e la sedia “stile nonna” della pizzeria La Taverna, che danno a quest'ultimo locale un’aria più verace e napoletana rispetto allo stile sobrio e moderno della nuova arrivata.
  • Oltre a due sale interne (fra le quali preferisco quella al piano inferiore), c’è anche un’ampia zona all'aperto, con tavoli apparecchiati con cura e disposti sotto 3 grossi ed eleganti tendoni da giardino. Gli unici inconvenienti sono la vicinanza della trafficata via Cadore (ma il traffico diminuisce verso le 22) e le zanzare. Tuttavia ogni disturbo esterno riesce a passare in secondo piano grazie al gusto prelibato di questa cucina napoletana. Magari qualche zampirone in più avrebbe giovato ai miei piedi martoriati dalle punture delle zanzare "pizzovore"!  

Per il resto le due sorelle Taverne sono identiche: dall’ottima pizza “sfiziosa” con il bordo ripieno di ricotta e funghi frullati (da provare almeno una volta nella vita), all’imperdibile tiramisù, al servizio veloce e all’ottimo rapporto qualità/prezzo (spenderete 20/30€ - bevande incluse). 
E temo che molto presto L’Altra Taverna eguaglierà la sorella maggiore anche su un altro aspetto un po' critico per la clientela: trovare un tavolo libero, senza dover aspettare molto tempo per mangiare.

L'Altra Taverna
Cucina e pizza tipica napoletana 
via Cadore 8 - Milano (mappa)
Tel: 02 912 70 232
Chiuso martedì e giovedì a pranzo
Conto 20-30€ (bevande incluse)

La Taverna
Pizza tipica napoletana
Via Anzani, 3 - Milano (mappa)
Tel: 02 5990 0793
Chiuso domenica a pranzo e lunedì
Conto 15-25€ (bevande incluse)
Foto: S'Notes

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...